»   Area Informativa / Approfondimenti / Pubblicazioni

Giovedì 28 Novembre 2013

Il Consiglio dei Ministri di ieri pomeriggio ha diramato un comunicato stampa nel quale si evidenzia che, al fine di dare copertura finanziaria all'abolizione della seconda rata IMU per l'anno 2013, è stato stabilito un aumento al 130% dell'acconto IRES e IRAP dovuto per il 2013 dalle società del settore finanziario e assicurativo, aumentando anche, per gli stessi soggetti, l'aliquota IRES al 36%.

 

Per consentire agli operatori di rifare i conteggi, il termine di versamento della seconda rata dell'acconto IRES e IRAP è differito al 10 dicembre e riguarda tutti le società di capitali.

 

I realtà la partita dell'acconto non sembra ancora chiusa in quanto si parla anche di un probabile incremento degli acconti ai fini dell'IRES e dell'IRAP di 2 punti percentuali per le persone giuridiche diverse da quelle operanti nel settore finanziario e assicurativo.

Sembra quindi probabile che entro il 10 dicembre sarà necessario ricalcolare per tutti gli acconti portandoli al 103%.

 

© 2018 Studio Ferro | P.IVA IT02527460246 | Tel. 049.7968933 | Fax 049.7968999 | E-Mail info@ferrostudio.it | Tutti i diritti sono riservati. Riproduzione vietata. | Privacy | Credits | Portale Studio »